pep.zone
Welcome, guest. You are not logged in.
Log in or join for free!
 
Stay logged in
Forgot login details?

Login
Stay logged in

For free!
Get started!

Multimedia gallery


staimale.pep.zone

*il nuovo vicino*

Era pieno agosto… un caldo insopportabile. Sono le 9 del mattino e mi sveglio dopo un forte rumore che sento venire per le scale. I rumori non finiscono. Per tutto il giorno nell’appartamento di fronte si continuano a sentire rumori… e anche per tutta la settimana. Intuisco che dei nuovi inquilini a breve avrebbero abitato il bilocale di fronte a me. Intanto mi presento… io sono Paolo, ragazzo 19enne omosessuale dichiarato. Vivo solo con mia madre e un bellissimo gatto, ma ritorniamo a quei rumori che per tutta la settimana hanno rotto le palle. Dopo pochi giorni mi sono dovuto ricredere… alla fine una settimana di rumori erano compensati dal nuovo inquilino: un ragazzo 21enne, capelli corti castani con colpi di sole e sempre ben portati col gel, fisico abbastanza atletico, occhi verdi, pelle abbronzata… insomma un bel figliolo. Aveva ancora da mettere a posto tutto e io come un bravo ragazzo mi presento e chiedo se ha bisogno di una mano (a mettere a posto la casa naturalmente). Lui accetta. In tre giorni di lavoro riusciamo a mettere a posto tutta la casa. Per ripagarmi decide di offrirmi una cena con alcuni sui amici e amiche. Accetto l’invito. mi preparo per la serata: jeans, infradito, camicia mezza aperta, gel ai capelli, profumo e occhiali… sono pronto per uscire. Appena Davide (il nuovo vicino) mi vede fa un’esclamazione “uau! Che bel fighetto avremo a cena”… io gli sorrido e gli rispondo “bhe, se i tuoi amici sono tutti come te ce ne saranno di fighi a cena”… forse mi ero allargato un po’ troppo, magari lui aveva fatto quell’affermazione solo per scherzare. Va bhè… arriviamo a quel ristorante-discoteca. La cena era ottima e per piacere del mio portafoglio ha offerto Davide. Alle 3 di notte decidiamo di tornare a casa, Davide saluta i suoi amici e mi riaccompagna a casa. Mentre saliamo le scale (fino al 5° piano) io sono davanti a lui e sento una carezza sulla schiena… mi fermo un attimo… Davide mi prende per il braccio e mi gira violentemente… non faccio in tempo a dire niente che mi tappa la bocca col un suo bacio. Mi lascio prendere dalla situazione e inizio a mettere la mano sotto la sua maglietta aderente e sudata. Ci accorgiamo di fare un po’ troppo rumore allora decidiamo di salire e entrare nella casa appena arredata di Davide. Mi fa accomodare. Torna dopo poco (era andato a posare portafoglio e cellulare). Si siede accanto a me e continuiamo il lavoro che avevamo iniziato nelle scale. Davide non vuole staccare la sua bocca dalla mia. Riesco a toglierli la maglietta e io mi tolgo la camicia. Con la bocca scende sui miei capezzoli e me li morde… io scoppio con delle piccole urla di piacere. Intanto io gli accarezzavo quel petto e quel ventre formati con tanti anni di nuoto agonistico. Poco dopo mi toglie le scarpe e si riavvicina con la bocca sul mio ventre. Mi apre i bottoni dei jeans e inizia a mordicchiare il cazzo ancora avvolto dai boxer che a malapena lo trattenevano. Mi sfila anche quelli e inizia a giocare col pisello, lo lecca perfettamente e lo asciuga dalle gocce di presperma che uscivano. Si spoglia completamente anche lui e a quel punto inizio anch’io a giocare con l’asta di Davide. Devo dire ben proporzionata al corpo… appena vede che me la infilo in bocca Davide inizia a prendermi il capo e sbattermi forte contro le palle. Dopo 5 minuti la smette… non sembra affatto soddisfatto. Si sdraia sopra di me e ci baciamo per 20 minuti… quel momento è stato il più bello con tanti baci e carezze. Intanto non mi accorgo che mi stava girando a pancia in giù… avevo già capito le sue intenzioni e stavo preparando il buco a una grande nottata… dopo 5 minuti di massaggi inizia e penetrarmi… inizia con dei piccoli colpi che in poco tempo diventano delle frustate talmente il dolore che provo… scoppio a piangere… lui si placa e avvicina il suo viso al mio, mi bacia profondamente e mi asciuga le lacrime… pensavo avesse finito, invece a poco avrebbe ricominciato con i sui colpi per allargarmi quel buco che non ne voleva sapere. Non riuscivo a capire quanto tempo era passato, ma a me sembrava un’eternità. Finalmente lascia stare il mio buco in fiamme e ritorniamo a lavorare con le nostre lingue. Era quasi mattina… Davide decide di farmi assaggiare il suo sperma… mi apre la bocca e inizia a masturbarsi… dopo pochi secondi sento per la prima volta il sapore di maschio del nuovo vicino di casa. Intanto con l’altra mano inizia a masturbarmi… ci metto poco anch’io e mi riempio il torace. Si avvicina con la lingua per assaggiare il mio succo. Mi prepara la nuova vasca idromassaggio e mi dice: “la proviamo? Così almeno se non funziona è ancora in garanzia”. Che cazzo di scusa… ho pensato io, ma come rifiutare. Mentre ci facevamo il bagno ci massaggiavamo i piedi e la schiena. Usciamo dalla vasca che avevamo collaudato e mentre Davide ripulisce un po’ il salotto io preparo la colazione… Da quel momento… indovinate un po’… mi sono trasferito a casa sua e ogni tanto vado a trovare mia mamma che abita di fronte a noi.


This page:




Help/FAQ | Terms | Imprint
Home People Pictures Videos Sites Blogs Chat
Top
.